Amit Shah

Nel mondo di oggi, Amit Shah è diventato un argomento di grande rilevanza e interesse per molte persone. Che sia per il suo impatto sulla società, per la sua rilevanza nella storia o per la sua influenza sulla cultura popolare, Amit Shah è un argomento che non passa inosservato. Nel corso degli anni Amit Shah è stato oggetto di numerosi studi, dibattiti e analisi, dimostrando la sua importanza in diversi ambiti. In questo articolo esploreremo ulteriormente l'importanza di Amit Shah e il suo impatto in varie aree, per comprenderne meglio la rilevanza nel mondo di oggi.

Amit Shah nel 2019

Amit Kaushik Shah (Londra, 26 aprile 1981) è un attore britannico.

Biografia

Amit Shah è nato nel borgo londinese di Enfield nel 1981 in una famiglia di origini indiane. Dopo aver recitato con la Royal Shakespeare Company durante l'infanzia, ha studiato teatro alla Staffordshire University e recitazione alla London Academy of Music and Dramatic Art.

Nel 2003 ha fatto il suo debutto sulle scene londinesi nel musical Bombay Dreams, prodotto da Andrew Lloyd Webber. Dal 2006 ha cominciato a recitare al National Theatre di Londra, dove ha fatto il suo esordio nella pièce di Peter Shaffer La grande strage dell'impero del sole. Successivamente è tornato a recitare al National Theatre anche ne L'alchimista, Re Lear e La commedia degli errori.

Dal 2006 ha cominciato anche a lavorare sul piccolo schermo, apparendo in numerose serie televisive, tra cui Crashing, Black Mirror, L'ispettore Barnaby e Doctor Who. Attivo anche in campo cinematografico, Shah ha recitato accanto a Helen Mirren in Amore, cucina e curry e in diversi altri film, tra cui Johnny English colpisce ancora, Ordinary Love e Last Christmas.

Filmografia parziale

Cinema

Televisione

Teatro

Doppiatori italiani

Nelle versioni in italiano delle opere in cui ha recitato, Amit Shah è stato doppiato da:

Note

  1. ^ (EN) The Other One cast: Who stars in the 2020 series?, su The Sun, 17 luglio 2020. URL consultato il 12 marzo 2021.
  2. ^ (EN) Ordinary Love. URL consultato il 12 marzo 2021.

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN5653148122903695200003 · LCCN (ENno2018042173 · GND (DE141290382 · BNE (ESXX5642405 (data) · J9U (ENHE987007405021705171